lunedì 17 marzo 2008

Risotto con limone, rosmarino e crescenza

Risotto con limone, rosmarino e crescenza

Ecco una ricettina fresca e leggera per cominciare bene la settimana.
La fonte è un noto critico enogastronomico milanese...
Oltre ad essere una preparazione decisamente gustosa, presentando ingredienti di facile reperibilità, può essere un ottimo "salva-cena".

Ecco la ricetta, un po' ad occhio:


Risotto con limone, rosmarino e crescenza

Per 2 persone:

180g riso carnaroli
un cucchiaio di foglie di rosmarino tagliuzzate
il succo di mezzo limone
la scorza di un limone
2 cucchiai di parmigiano reggiano grattugiato
2 cucchiai di crescenza
2 cucchiao di olio evo
una noce di burro
vino bianco
sale e pepe
brodo vegetale

Scaldare l'olio con le foglie di rosmarino e un po' di scorza, versarvi il riso, farlo tostare, salre e pepare e sfumare con un po' di succo di limone e vino bianco.
Una volta evaporato il vino, portare a cottura con il brodo.
Aggiungere tutto il succo di limone e quasi tutta la scorza rimanente.
Unire la crescenza gli ultimi 5 minuti.
Spegnere il fuoco, aggiungere il burro e il parmigiano.
Lasciar riposare e poi servire con una spolverata di scorza di limone grattata sul momento.


12 commenti:

Alex e Mari ha detto...

Le scorze di agrumi le metterei ovunque! E il rosmarino pure. Quindi questo delicato risotto fa al caso mio :-))) Buona giornata, Alex

sandra ha detto...

Buonissimo fresco fresco!!! adatto alla primavera.. :-PP
brava spilucchina!
:-***

Anonimo ha detto...

Ebbene sì, la fonte sono io, e NON sono un critico gastronomico, eccetto che quando mi misuro con le creazioni della nostra blogger di riferimento, alias Spilucchino. La verità - che va confessata costi quel che costi - è che Virginia ruba le ricette altrui e le trasforma in propri post... :)
A me fa solo piacere, ovviamente. Ma devo rivelare di non essere io l'ideatore del risotto in questione, ma Claudio Colombo Severini (ex ristorante Teatro7), cuoco della Cucina Economia di Milano (via Guicciardini). Forse alcuni di voi lo ricorderanno per le partecipazioni alla Prova del cuoco...

Saluti
Phil

ps: devo ugualmente confessare, mosso dalla mia onestà intellettuale, che l'aggiunta della crescenza è il "tocco" virginiano, perché nella ricetta che le ho passato non era contemplata. I grande cuochi si vedono dalle piccole cose, direbbe qualcuno.

nino ha detto...

Bella ricettina, con due
ingredienti che prediligo
abbastanza, il rosmarino, e gli
agrumi in genere.
Bacio
Nino

Kja ha detto...

Io ne faccio uno molto simile con erbe, scorza di limone e philadelphia, ma il procedimento di sfumare anche con il succo di limone mi e` nuovo. provero` prossimamente :)

salsadisapa ha detto...

sempre brava! approvo il carnaroli per il risotto: secondo me è il migliore:-)

Virginia ha detto...

Grazie a tutti! Una cara amica mi ha appena suggerito di utilizzare anche i fiori del rosmarino...mi sembra proprio un'ottima idea!

laGallinainCucina ha detto...

Che bello! Mio marito è un'amante dei risotti, anche io utilizzo spesso il riso carnaroli.
A presto

marcella candido cianchetti ha detto...

ma che buono e delicato questo risotto buona giornata

ziasippa ha detto...

da premettere che io adoro il riso e i risotti, quindi già per questa ricetta sei avvantaggiata..
detto questo adoro il limone quindi sono certissima che questo è un gusto che mi farà letteralmente impazzire...
grazie per averla pubblicata..
Silviotta

L'Antro dell'Alchimista ha detto...

Questa ricetta mi piace veramente tanto prima o poi la proverò sicuramente!

Rossella ha detto...

Potrebbe essere la cena di stasera. Ho scoperto il tuo blog ora tramite questa ricetta e mi son piaciuti molto anche i riferimenti sull'origine