sabato 17 gennaio 2009

Dolce morbido di pere e nocciole


Dopo le tre infornate di panettoni, mi sono ritrovata con una dose di albumi spropositata...e siccome di buttarli non c'era verso, li ho porzionati e congelati per tempi migliori...finchè l'altro giorno, sfogliando il cataloghino di Emile Henry, in ultima pagina mi sono imbattuta in questa ricetta.
In realtà si trattava di dolce con mandorle (e non con nocciole) e con molti meno albumi, ma siccome sono sborona, ho deciso di caricarla un po' di più.
Bè, veramente buona. Immaginate una sorta di "brutto ma buono" un po' più morbido, con l'aggiunta del burro e delle pere...


Dolce morbido di pere e nocciole

70g farina
125g zucchero a velo
55g zucchero semolato + un cucchiaio
100g nocciole in polvere
150g burro
6 albumi
4 pere tagliate a fettine sottili (con la buccia)

Setacciare insieme la farina e lo zucchero a velo. Aggiungere lo zucchero normale e la farina di nocciole.
Nel frattempo fondere il burro in padella e farvi rosolare le pere per 5 minuti con un cucchiaio di zucchero.
Scolare le pere dal burro e riporle in un piatto.
Recuperare il burro e aggiungerlo al composto di farina, zucchero, nocciole.
Mescolare bene.
Montare gli albumi a neve e incorporarli delicatamente al resto del composto.
Imburrare ed infarinare uno stampo, versarvi i 2/3 del composto, le pere (tranne qualche fettina per la decorazione), il restante 1/3 di composto e decorarne la superficie a piacere.
Infornare a 180 gradi per 35-40 minuti.

19 commenti:

michela ha detto...

Ottimo dolce Virginia e bellissimo stampo.
Ciao buon we.

chiara ha detto...

deve essere delicatissimo...
ed e' anche molto bello con quelle fette di pera che lo incorniciano

Mary ha detto...

carino nello stampo a cuore , buono il dolce di pere !

Lydia ha detto...

Stavo pensando: di albumi ne ho in quantità industriale, nocciole pure e pere altrettante, potrei farla per una cena a cui sono stata invitata stasera.
Se riesco a preparare il bagaglio non in tempi biblici, la faccio.
Alla settimana prossimaaa!!!

germana ha detto...

Bello Wiggi, un altro modo per utilizzare gli albumi.
un bacione e buon we

Alessia ha detto...

Ciao!
Ho scoperto il tuo blog per caso, curiosando qua e là sulla rete, ma d'ora in poi mi avrai tra i tuoi attenti lettori.
Complimenti per le idee, spesso insolite e molto creative.

buon weekend

A.

manu e silvia ha detto...

stipendo e buonissimo questo dolce!! un accostamento di ingredienti perfetto!!
bacioni

lenny ha detto...

Le buone ricette "ricilo-albumi" sono sempre ben accette, sopratutto se assumono le sembianze di un dolce goloso!
Baci

Carolina ha detto...

Che buono l'abbinamento nocciole-pere. Poi le ricette che ci aiutano a "riciclare" ingredienti in eccesso sono sempre così ben accette!
Buon pomeriggio!

Mariluna ha detto...

che bello lo stampo Virgi...non solo naturalmente il contenuto mi delizia molto...ottima riuscita di ingredienti!!!

Marta ha detto...

Come sempre delle belle ricette! Ormai il tuo blog per me è un must

Fra ha detto...

Anche io ho un sacchetto di albumi in freezer che mi aspetta...questa torta mi sa davvero di buono! Bravissima
Un bacio
fra

Saretta ha detto...

mmm adatta in qsiasi mopmento della giornata, complimenti abbinamento favoloso!
bacioni

Marta ha detto...

Cara, se ti va passa da me a prendere un meme

Ciboulette ha detto...

Immagino, e svengo :D

Un bacio!

fede ha detto...

un priemuzzo por tigo!

Giorgia ha detto...

ultimamente so diventando molto poco tollerante con le nocciole, non in senso patologico, ma mi infastidiscono proprio. e non capisco perchè. la tua torta però m'ispira tantissimo, proverò a sostituirle con le mandorle, fino a che non ne farò indigestione e non vorrò più vedere nemmeno quelle (e forse ho capito perchè non voglio sentir parlare di nocciole...). le pere sono tra i miei frutti preferiti, e sto ancora cercando di capire se posso provare a farmi i succhi di frutta da conservare...

Gabriella ha detto...

Cara Virginia, andando alla ricerca di una ricetta con soli albumi, mi sono imattuta in questa torta che sembra davvero buona... il problema è che ho solo 4 albumi congelati ma ho anche letto che la ricetta originale ne prevedeva qualcuno in meno dei 6 che hai messo tu... perciò ti chiedo: i miei 4 vanno bene? (lo chiedo giusto per evitare di avere poi due tuorli in più e di dovermi inventare altre ricette per smaltire i tuorli... qua si rischia di farsi travolgere da goduriose catene infinite di ricette!).

Garzie,
Gabriella.

Virginia ha detto...

Gabriella, secondo me puoi provare con 4, però non garantisco...
Purtroppo non sono riuscita a recuperare il catalogo di cui parlavo.