giovedì 30 luglio 2009

Crostata meringata al limone

Crostata meringata al limone

Questa è una torta che ho fatto per un'occasione speciale. Molto speciale.
Ho iniziato a studiarne le infinite varianti tra giorni fa: è stato un incubo! Non ho mai visto una preparazione con così tante varibili: chi cuoce la frolla in bianco, chi con la crema; chi fa una sorta di lemon curd (col burro), chi usa la panna, chi la maizena, chi nessun addensante; e poi la meringa: italiana o no? Velocemente sotto il grill o a lungo a bassa temperatura?
In testa avevo ben presente il risultato che volevo ottenere (una tarte al limone come quella mangiata diversi anni fa al Teatro 7)...ma COME riuscire a raggiungerlo?
Alla fine ho fatto un mix di ricette da vari blog: per la crema al limone ho usato quella di Adriano, mentre per la meringa ho seguito le indicazioni di Daniela...ovviamente con le mie varianti!


Crostata meringata al limone


(ho usato uno stampo da 22, ma mi sono avanzate sia la frolla che la meringa)
per la frolla:
300g farina
3 tuorli
135g zucchero
150 burro
sale

per la crema al limone:
2 uova
1 tuorlo
100g zucchero frullato con la scorza dei limoni
100g panna
60g succo di limone (1 limone e mezzo)

per la meringa:
3 albumi
100g zucchero a velo
qualche goccia di succo di limone

Lavorare rapidamente gli ingredienti per la frolla e stenderla subito in uno stampo imburrato. Metterla in freezer.
Nel frattempo portare il forno a 180 gradi già posizionando una teglia ad un'altezza medio-bassa.
Ricoprire la frolla con la carta forno e distribuirvi sopra i fagioli/palline di ceramica. Cuocerla a 175 gradi (statico) per 8 minuti, poi togliere lo strato di carta forno+palline, spennellarne il fondo di un velo di albume e continuarne la cottura per altri 12 minuti.

Nel frattempo sbattere, senza montare, le uova e il tuorlo con lo zucchero (polverizzato nel macinacaffè con le zeste del limone), aggiungere il succo di limone ed infine la panna.
Battere leggermente il recipiente per eliminare eventuali bolle d'aria, versare nel guscio e rimettere nel forno. Diminuire la temperatura a 125 gradi (statico) e cuocere fino a che non rapprende leggermente (circa 25 minuti).
E' importante non superare il punto di cottura, se scuotendo lo stampo la crema non scorre, è pronta, dovrà avere una consistenza più morbida di una creme brulée.

A questo punto, tirar fuori la torta dal forno, di modo che si intiepidisca e iniziare a montare gli albumi con lo zucchero (da inserire gradualmente dopo che le chiare hanno già iniziato a montare) e il succo di limone. Lavorare a lungo fino ad ottenere una consistenza lucida e compatta.
Inserire la meringa in una sac a poche e decorarne la suoperficie a piacere (io non avevo la bocchetta giusta e mi sono dovuta un po' "arrangiare").
Reintrodurre la torta in forno ad un'altezza media con forno ventilato a 100 gradi per 30 minuti (o anche qualcuno in più se volete un effetto più croccante).
Far raffreddare la torta e metterla in frigo* fino al momento del consumo.

*contrariamente a quanto pensassi, il riposo in frigo le ha aumentato la bontà. Servirla ben fresca è fondamentale. Anche dopo 2 giorni si è mantenuta buona e perfettamente croccante.

26 commenti:

AnnaPaula ha detto...

Fantastica!!
La proverò al più presto..
Buona Giornata
AnnaPaula

Mary ha detto...

Che meraviglia!

CorradoT ha detto...

Direi che ti sei arrangiata benissimo. E se e' buona come sembra...

CorradoT ha detto...

P.S. - Certo che i foodbloggers sono strani.... Tutti a lamentarsi del caldo e della poca voglia di cucinare, e poi: non ho mai visto tanto uso del forno come in questi giorni!!!

sweetcook ha detto...

Sembra una scultura, tanto è perfetta!! :)

genny ha detto...

perfettibile dici?a me pare perfetta e basta....
@corradoT:sai che io preferisco accendere il forno piuttosto che i fuochi?:DD

marifra79 ha detto...

E' venuto benissimo....buona!!! Ne prenderei una fetta se solo potessi!!
CorradoT : siamo "strani" perchè è la passione per la cucina che ci spinge a sfidare questo caldo e ad accendere anche il forno!!!

Ciao un abbraccio cara Virginia!!!!

Sara ha detto...

Finalmente un dolce! La torta meringata è una di quelle cose per cui mi è sempre mancato il coraggio, non so perchè, sono anni.
Dimmi che ce la posso fare,dimmelo, magari provo con la tua che di te ormai mi fido!
Ciao

Camomilla ha detto...

L'avevo vista su Flickr e non vedevo l'ora di carpirne i segreti! Molto scenografica, davvero adatta ad un'occasione speciale ;)

Babs ha detto...

è fantastica virginia, io la adoro, specialmente la crema al limone, che spesso facccio al lime. Tempo fa una domenica è capitato anche a me di farla di corsa,ma con la crema pasticcera, se vuoi divertirti ti lascio il link.

http://chezbabs.blogspot.com/2009/03/una-domenica-piu-o-meno-improvvisata.html

Amalia ha detto...

Beautiful !

mikki ha detto...

che bella!!! pensa che anche io in questi giorni ero alla ricerca di un dolce al limone, ed avevo preso in considerazione la crostata meringata al limone :-). Poi, per una questione di tempi e di ricetta, ho dovuto rinunciare ed ho fatto un'altra cosa, ma questa me la segno subito e la farò al più presto, adoro i dolci al limone. Grazie, ciao!!!

Fra ha detto...

E' uno spettacolo!!! Bravissima Virginia
Un bacione
fra

Ornella ha detto...

Bella, bella davvero ma soprattutto deve essere buonissima!!! Mi intriga moltissimo la crema...Bravissima come sempre!
Ornellapsanness

Betty Forner ha detto...

Questo dolce mi sembra adattissimo per questi giorni di calura! BRAVISSIMA!

furfecchia ha detto...

ma come fai???? anche se ti "arrangi" come dici tu, ti escono delle cose meravigliose dal punto di vista scenografico e anche da quello del gusto!

alessandra (raravis) ha detto...

la novità assoluta è nella crema- che è completamente senza cottura. Da provare, assolutamente
ciao
alessandra

Forchettina Irriverente ha detto...

Sai quanti mix di ricette che ho fatto anche io ?? Un'idea di qua .. uno spunto di là ... e salta fuori il tuo dolce, la tua versione !! Deve essere buonissima ..

maia ha detto...

che bella!
La meringa mi ricorda i camini di fata della Cappadocia.

Pupina ha detto...

Che delizia la torta meringata al limone: ne vado letteralmente matta!
E' venuta uno spettacolo: si vede che hai colto fior da fiore...;)

lenny ha detto...

Bellissima: non l’ho mai assaggiata, ma ora che ho la tua ricetta potrei cimentarmi ....

Cappuccetto Rosso ha detto...

Hei Virginia,
ti e' venuta benissimo! Lo spaevo lo sapevo lo sapevo che te ne saresti uscita con una crostata bellissima. Come ti ho detto su FB, non ho piu' aggettivi. Sei geniale!
Ma, qual e' l'occasione speciale? Ci hai lasciato sul filo o mi sono persa qualche cosa?

Diletta ha detto...

Ciao Wiggi!
Che bella!
Mi sembra che il guscio sia bello spesso..a quanti mm lo ha steso?
Io non l'ho mai fatta e come te ho ormai accumulato una sacco di ricette...mi sa che la proporro' alla prima pizzata!!
Un sorriso meringato,D.

Lydia ha detto...

Alla fine hai optato per questa.
La meringa pinnacolosa è troppo forte

Alex ha detto...

...ha ragione Lydia...e'proprio pinnacolosa!!! Il destinatario della torta sara' stato felicissimo!!!!! Auguroni dall'Egeo!!!

angela ha detto...

qui c'è da leccarsi i baffi! Io ieri ho fatto il rotolo di pan di spagna con la crema al cioccolato, praticamente una giralla ma sicuramente ho superato le 124 calorie della merendina, era meglio che ne compravo un pacco :)