lunedì 26 aprile 2010

Clafoutis con i lampascioni

Clafoutis con i lampascioni

Ebbene sì. Perchè al mercato li ho visti, nel loro fascino terroso e non ho proprio resistito.
Dopo mesi e mesi che una delle vostre foodblogger preferite spinge per propinarveli, voi cosa avreste fatto? E così lampascione fu.
Prontamente educata dalla mia mentore sui loro effetti collaterali (...), ho provveduto a prepararli con il dovuto anticipo e devo dire che non sono stati niente male. Il loro più grande ostacolo è che hanno un sapore piuttosto amaro, ma accuratamente lavorati, risultano davvero gradevoli e soprattutto ti comunicano quel fascino di prodotto antico e popolare che ti fa andare oltre quel leggero sentore sgradevole.
Grazie Cibou per tutte le dritte e soprattutto grazie per aver instillato il germe della curiosità nella mia testolina bacata!
Sulla scorta della tua frittata, ci ho fatto un clafoutis che -è innegabile- alla pronuncia fa molto ma molto figo!


Clafoutis con i lampascioni

400g di lampascioni
1 patata
3 uova
3 cucchiai di pecorino grattugiato
3 cucchiai di farina
6 cucchiai di latte
4 cucchiai di panna
olio, aceto, sale e pepe

Pulite i lampascioni e lasciateli per mezza giornata a bagno in acqua fredda cambiando l'acqua il più frequente possibile.
Gettarli in acqua bollente salata e con un cucchiaio di aceto per 15 minuti, poi scolarli e rituffarli in altra acqua bollente con una punta di zucchero per altri 15 minuti.
Farli raffreddare in acqua fredda.
Tagliare la patata a cubetti e saltarla in padella con un buon giro d'olio, sale e pepe assieme ai lampascioni finchè non si coloriscono un po'.
Oliare una pirofila, distribuirvi i lampascioni con le patate e ricoprire il tutto con un composto ottenuto con il latte, la panna, le uova, la farina (stemperata nel latte) e il pecorino.
Cuocere a 180 gradi per 20-25 minuti.
N.B.: Si può aggiungere a piacere nell'impasto un po' di salsiccia.

Lampascioni

26 commenti:

Ciboulette ha detto...

dire che sono onorata e' veramente poco mia cara spilucchia.

Di averti instillato la curiosita', di averti evitato gli effeti collaterali :D, di avere indirettamente contribuito a far finire un lampascione in un fighissimo, francofonissimo, clafoutis (e tu lo sai che la cibou sul francofono cade come una pera cotta).
Grandissima Virgi!!! MA ora lo cominciamo un mezzo countdownnnnnn?????

Diletta ha detto...

Wiggi, io i lampascioni li ho provati solo sott'olio....e devo dire che no, non mi entusiasmano....se mai dovessi incontrarli al mercato, ne comprerei un pochino giusto to give them another go perche' se lo dite tu e Cibou...allora s'ha da ri-prova!
Un sorriso che ci siamo quasi,
D.

Genny G. ha detto...

mai assaggiato uno e non sai quanto li cerco..ma oggi non c'è che dire, è il cibou day!

Federica ha detto...

Che delizia! Lo sai che io non ho mai trovato in venidita i lampascioni?!?
ps. quello in sottofondo alla foto, quello in legno, cos'è? un tavolo o un tagliere? bellissimo!!

Cuochella ha detto...

wowo i lampascioni abbondano nella mia terra d'origine (la puglia) soprattutto nel salento... quasi quasi me ne faccio portare su qualcuno da mammà ;)

Onde99 ha detto...

Adoro i lampascioni: mia suocera, sapendo quanto mi piacciono me li cucina spesso, in maniera molto semplice. Non pensavo si potessero utilizzare anche per preparazioni pi� elaborate, li prover� certamente!

Milena ha detto...

Provali con il pepe rosso (da noi un must) o la paprika che ben contrasta l'amarognolo ....

Baol ha detto...

Meraviglioso modo per usare i mitici ma misconosciuti lampascioni :)

Milena ha detto...

Non so che fine abbia fatto il mio commento in cui ti consigliavo di provarli con il pepe rosso (da noi un must) o paprika ch eben contrastano l'amarogonolo .....

Juls @ Juls'Kitchen ha detto...

bon, i miei aspettano pazienti di essere messi sott'olio, ma una parte li lascerò pre provare qsa di più elaborato e francese! :D

Elisakitty's Kitchen ha detto...

Ecco ho una grande curiosità anche io di provare questi lampascioni li ho anche visti ma non ho avuto il coraggio di prenderli.
Adesso mi hai messo la curiosità anche a me!! :)

Silvia ha detto...

Ciao Virginia, in questi giorni dove mi giro mi giro vedo clafoutis...sarà perchè mi sono messa in testa di fare quello con le ciliegie, ma questo mi sembra fantastico! Baci a presto cara!

NADIA ha detto...

Assaggiati mille lune or sono e mi hanno lasciato proprio un ricordo di cibi d'altri tempi!
Credo che mi segnerò la ricetta da replicare qualora li trovassi in commercio...davvero interessante!

Nadia - ALTE FORCHETTE -

Gunther ha detto...

beh io non li conosco ma psero un giorno di poterli provare preparati cosi

Elga ha detto...

In effetti fa molto molto più figo!! Bellissima la foto dei lampascioni abbandonati al tavolo.
Spero ti stia godendo la vita mia cara, un bacio

Anonimo ha detto...

Lucana di origine, pugliese di adozione, perciò i lampascioni costituiscono "cibo di famiglia". Li preparo in modi diversi, ma spendo una parola per quanto riguarda la cottura.Una volta ripuliti dal terriccio e dalle foglie esterne, vanno lavati e lasciati in acqua un giorno ,cambiando l'acqua a piacere e risciacquandoli. LI pongo in pentola a pressione, con acqua e poco sale, e dal momento del sibilo, lascio cuocere cinque minuti, poi ancora un giorno in acqua fresca, risciacquo. I lampascioni sono pronti per l'uso.Pia

Saretta ha detto...

Ma stai ancora spadellando tu?!
Mo' ti racconto questa...
Due ani fa andai sul gargano e, una sera mi trovavo a Peschici.Fuori da molte case c'erano le sciure coi banchetti che vendevano le loro conserve ed i loro sottoli.Mi avvicino ad una che m'ispirava e compro, tra le varie delizie(sigh!!), anche i lampascioni.La cosa bella è stata quando la sciura mi spiega in dialetto stretto peschicino l'effetto collaterale...mi sono fatta certe risate!Anche perchè avevo capito benissimo!!!Hihihi.Li ho però rifilati ai parents, poichè non amo le cose troppo amare ;)

Dolce Cucina ha detto...

Non sono molto facili da trovare i lampascioni, sopratutto al nord.

Virginia ha detto...

Tutti, grazie!

Cibou, ancora grazie a te!

Federica, si tratta di un'asse di legno.

Milena, Pia, grazie per aver condiviso la vostra esperienza!

Saretta, sto ancora ridendo!

Dolce cucina, io li ho trovati con facilita' al mercato (a Milano).

Gaia ha detto...

io me li feci sfuggire al mercato una volta e li ho ritrovati solo qualche mese dopo. ..
Dopo accurato lavaggio e risciacquo, io ci feci una semplice ma buonissima frittata..
certo pero',m che clafoutis fa davvero molto ma molto piu' fiho, come si dice a FI.
un bacio, sposa promessa!

UnaZebrApois ha detto...

Ma che bello questo clafoutis...e che dire dei lampascioni?!E' ora di andarli a comprare :D !!!

pappareale ha detto...

Che belli i lambascini, me ne parla sempre la mia mamma che li adora, ma devo dire che io ancora non mi sono cimentata!
Son daccordo conte che il clafoutis fa sempre figo :-) oltre ad essere bello!
Mi ha fatto ridere il racconto del prete :-)
In bocca al lupo per gli ultimi preparativi and be quite!!! Andrà tutto bene!

One Girl In The Kitchen ha detto...

Nuoto nell'ignoranza : (
Lampa..che?? Pero' davvero, fa troppo figo il clafoutis con quel nome li'. Secondo me mi piacerebbe, ti voto sulla fiducia.
E ora, vuoi smetterla di bloggareee?? Cosa fai ancora qui?

paolo ha detto...

no no per me la salsiccia non ci va...troppo invadente (gusto mio ovvio)
io i Lampascioni non li trovo argh
bella questa frit...ops Clfoutis con i lampascioni bravaaaa

sara b ha detto...

maro', i lampascioni. che buoni 'occamiseria. io li ho visti raramente a qualche mercatino... clafutì in effetti è una sciccheria

le pupille gustative ha detto...

Cara Virginia, sono noiosa e ripetitiva, però sono come sono e quindi... che belle foto, sei troppo mitica davvero. Al di là di questo, mi ricordavo che ti sposavi in questo periodo, per cui volevo farti un miliardo di auguroni in anticipo + un abbraccio!