venerdì 3 agosto 2012

Confettura di pesche bianche e rose rosse

confettura di pesche bianche e rose rosse

Chi mi segue su Facebook sa che l'altroieri ho ricevuto in dono una camionata di pesche bianche. E non delle semplici pesche bianche, ma le mie preferite, le stesse che avevo usato qualche anno fa per una confettura strepitosa con il rosmarino.
A questo giro ho preferito l'abbinamento con la rosa, più per accentuare i profumi tipici della pesca bianca che non per dare un timbro in più dato che, se non erro, pesco e rosa fanno parte della stessa famiglia delle rosacee.
Il procedimento è sempre lo stesso, ovvero quello di sfruttare la pectina naturale contenuta nei limoni di cui avevo diffusamente parlato in un articolo scritto per questo numero di Cucina Naturale.
Ah, indovinate chi mi ha aiutata a raccogliere tutti quei petalini? Ebbene sì, grazie al momento "riempi riempi, svuota svuota", ho messo sotto Chiarina che diligentemente ha riempito tutto il barattolo. Il problema è stato che, colpa di una microdistrazione, appena terminato il lavoro ha subito fatto subentrare il momento svuota-svuota...

Confettura di pesche bianche e rose rosse

per 3 barattoli:
1kg di pesche bianche sbucciate e tagliate a fettine (al netto degli scartI)
350g zucchero
2 limoni
6 boccioli di rosa rossa essicata (io ho usato questi ma credo che in erboristeria se ne trovino a iosa)
Una grande garza sterile

Tagliare le pesche a fettine e metterle a macerare per una notte in frigo con lo zucchero e i boccioli di rosa. Il giorno seguente, con un colino, dividere il succo dalla polpa e mettere il primo a ridurre sul fuoco per 30-40 minuti assieme ai boccioli finchè non assumerà una consistenza sciropposa.
Nel frattempo, spremere il succo dei limoni e tenerlo da parte. Raccogliere dentro la garza i semi del limone, le calotte spremute private della buccia e i boccioli prelevati in ultimo dal succo. Chiudere bene il tutto con spago da cucina.
Quando vedrete che il succo inizierà a caramellare, aggiungervi il succo di limone, la frutta e la garza e cuocere per un'altra mezz'ora circa. Poi togliere la garza e spremerla (per raccoglierne bene i succhi) con l’aiuto di uno schiacciapatate. Cuocere ancora per 5 minuti e fare la prova piattino. La marmellata, a questo punto, dovrebbe essere pronta. Invasare in barattoli sterilizzati (io li lavo e li metto in forno a 110 gradi fino al momento di invasare) e capovolgere per creare il sottovuoto.

P.S: a questo giro ho preferito non inserire i petali di rosa nella marmellata finale perchè avevo paura che prendessero il sopravvento ma al prossimo giro un po' di petalini ce li lascio dentro.

pesche bianche

12 commenti:

Valentina ha detto...

Buonissima, questo abbinamento è delizioso e delicatissimo :) Salvo la ricetta, complimenti! Se ti va passa da me, un bacione e buon fine settimana :)

Your Noise ha detto...

E' un abbinamento che adoro, ci feci un sorbetto, tempo fa. Bella anche la foto!

Buon weekend :)

Agnese

One Girl In The Kitchen ha detto...

che poesia! I like!

Barbara ha detto...

Deliziosa!

Barbara ha detto...
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
Giulia - Parole di Zucchero ha detto...

che matrimonio perfetto pesca e rosa! buona idea e anche super golosa!

Ileana Pavone ha detto...

Questa confettura dev'essere deliziosa..e le foto sono bellissime :)

Erica ha detto...

Apparte i complimenti per le foto la confettura deve esser deliziosa, adoro le pesche bianche, hanno un plus rispetto a quelle gialle che mi piace da matti :) bella l'idea di aggi8ungere anche le rose :)

Barbara Mugnai ha detto...

La prima foto mi ha lasciato senza fiato.. meravigliosa!
Felice di averti trovata!
Mug

LeCiorelle ha detto...

mmm squisita!!! te ne ruberei un vasetto!!! :)

mariangela ha detto...

Ciao carissima, piacere di conoscerti, il tuo blog è bellissimo, complimenti. Anche a me piace la marmellata di pesche, la farò al più presto seguendo la tua ricetta! Ti auguro una buona giornata e ti invito a passare dal nostro blog, sarai la benvenuta

latteementa ha detto...

bellissimo abbinamento, anche noi ci siamo date alle pesche! http://www.latteementa.it/?p=563